SERGIO COSTA PRESENTE AD ECOMONDO: SONO QUI PER INCONTRARE LE IMPRESE

E’ stato il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa dare il via ufficiale alla 23esima edizione di Ecomondo: “Ecomondo è una vetrina internazionale di primo piano, la più importante al mondo sul tema dell’economia ecosostenibile e questo governo non può che essere presente qui a Rimini – ha dichiarato il Ministro al taglio del nastro – Il governo non è qui in veste formali ma sostanziali – ha assicurato Costa – Gireremo tra gli stand, incontreremo le imprese. Che per prime hanno capito l’importanza di costruire un’economia che vada a braccetto con l’ambiente. Ora tocca alla politica” Incalzato dai giornalisti il Ministro è anche intervenuto sulla Plastic tax che tanto sta facendo discutere in queste ore e che è a centro di un infuocato dibattito politico: “Chiedo al Parlamento: diamo un aiuto in più alle aziende a modificare il sistema, dalle plastiche che non sono riciclabili a quelle che sono riciclabili e compostabili, con un credito d’imposta supplementare – ha detto il Ministro – Il 10%? Lo vogliamo aumentare a un 20-25%? Vogliamo immaginare che la tassa non sia da gettito, ma da scopo? Che serva per modificare il sistema, per andare verso la tutela ambientale? Questo credo che il Parlamento voglia e possa farlo. Tutto quello che è biocompostabile, recuperabile e rigenerabile non va tassato – ha aggiunto Costa – Dal primo gennaio inoltre, cominceremo il lavoro per sburocratizzare gli investimenti per l’ambiente. Per questo al Ministero ho costituito una commissione mista con gli operatori del settore. Lo scopo è far sì che economia ed ambiente marcino insieme

Tagliato il nastro, iniziano gli incontri e i dibattiti: come gestire al meglio i rifiuti pericolosi, i fanghi da depurazione, la bioplastica per gli imballaggi, come rendere più efficienti gli impianti a biogas, come prevenire i rischi idrogeologici, le inondazioni e l’erosione delle coste….sono solo alcuni degli argomenti che verranno trattati in questi giorni.  In contemporanea ad Ecomondo vi ricordiamo che si svolgeranno anche Key Energy, il salone delle energie rinnovabili, il biennale Sal.Ve, il salone del veicolo per l’ecologia e la prima edizione di Dpe – Distributed Power Europe, appuntamento dedicato alla power generation.

Noi vi aspettiamo al Padiglione D5 stand 158

 

MENO DI UN MESE AD ECOMONDO

Ci siamo quasi: manca meno di un mese ad Ecomondo che, come scritto sul sito della manifestazione è l’unica piattaforma in Europa a offrire un ampio programma di conferenze,workshop e seminari per presentare best practices internazionali e nuove tendenze relative ai vari settori dell’economia circolare, inclusi l’edilizia, l’imballaggio, l’elettronica e l’industria automobilistica. Alla 23esima edizione della manifestazione organizzata da Italian Exhibition Group sono attesi 1.300 espositori da 30 Paesi e visitatori da 150 Paesi. In programma 150 seminari con mille relatori. In contemporanea anche il biennale Sal.Ve, Salone del Veicolo Ecologico. Ecomondo dedica anche quest’anno un ampio programma di incontri al tema della plastica. Venerdì 8 novembre, il seminario dal titolo “End-of-waste della frazione mista degli imballaggi in plastica: nuove opportunità per la valorizzazione materica di una importante risorsa”. “Plastic-free for a healthy Mediterranean See, the Bluemed R&I Pilot”, sarà invece una tavola rotonda con gli attori chiave nella catena della plastica, per sviluppare insieme un portafoglio di azioni e misure concrete, che si terrà il 7 novembre. Ecomondo 2019 ospiterà inoltre l’annuale appuntamento degli Stati Generali della Green Economy, promossi dal Consiglio nazionale della green economy, in collaborazione con il ministero dell’Ambiente e il ministero dello Sviluppo Economico per un’analisi e un aggiornamento sui temi economici e normativi più attuali e cruciali. Quest’anno saranno dedicati al tema ‘Per un Green New Deal in Italia e in Europa’ con l’obiettivo di affrontare congiuntamente la crisi ambientale, a partire da quella climatica, la bassa crescita economica e la crescente disuguaglianza. Anche a Key Energy si annuncia un importante evento di apertura: Vittorio Chiesa, direttore dell’Energy&Strategy Group del Politecnico di Milano, presenterà uno studio di scenario che conterrà le previsioni future, oltre che sullo sviluppo delle energie rinnovabili, anche sul processo di riqualificazione del patrimonio immobiliare e sul trend della mobilità elettrica e sostenibile, temi decisivi per affrontare in maniera adeguata la decarbonizzazione al 2030. (Fonte: AdnKronos)