LOTTA AI REATI AMBIENTALI: GRANDI SUCCESSI DELL’ARMA DEI CARABINIERI

303 Views

Secondo un rapporto che traccia il bilancio dell’attività realizzata grazie all’unificazione tra Corpo forestale dello Stato e l’Arma dei Carabinieri  – di cui l’ANSA è venuta in possesso – nei primi nove mesi del 2019, rispetto allo stesso periodo del 2018, i controlli eseguiti sono aumentati del 10,7%, i reati perseguiti del 25,4% e gli illeciti amministrativi accertati del 5,3%. Rifiuti, traffici di specie animali e piante in via di estinzione, bracconaggio, pirateria agroalimentare le voci principali degli illeciti. Gli illeciti amministrativi accertati hanno fatto registrare nel 2017, un incremento del 2,5% rispetto al 2016; nel raffronto 2017/2018, un ulteriore aumento del 28,4%, superiore del 16,8% rispetto al dato più altro segnato nel 2014.  “Con l’unificazione tra Cfs e Arma –  ha spiegato il comandante della Scuola Forestale Carabinieri, gen. Donato Monaco – la lotta ai crimini ambientali ha un referente unico in grado di imprimere una importante potenza nell’azione di contrasto in quanto i vari crimini, dagli incendi ai rifiuti ai traffici degli animali da compagnia, al bracconaggio o al mercato delle specie protette, si intrecciano sempre con altri crimini. Secondo un rapporto Interpol-Unep emerge che gli ecoreati segnano ogni anno un tasso di crescita del 5% con un volume d’affari che viaggia tra i 100 e i 200 miliardi di dollari ogni anno“.  (Fonte: Ansa)