Lo sviluppo dell’idrogeno è legato alla riduzione dei costi di produzione

81 Views

Quale sarà il costo dell’idrogeno verde nel futuro europeo? Quando questo vettore sarà realmente competitivo sul mercato? A rispondere a queste domande è una nuova analisi (testo in inglese), commissionata dall’International Council for Clean Transportation e dedicata al prezzo di produzione dell’H2 tramite energia rinnovabile in USA ed Europa. Il documento parte con una precisazione. “Esistono molti altri rapporti su questo argomento, ma con vari gradi di trasparenza rispetto alle ipotesi sui costi. Queste differenze metodologiche rendono difficile il confronto dei prezzi”. Alcune ricerche, spiegano gli autori, ignorano ad esempio i costi di sistema, considerando invece solo il CAPEX dell’elettrolizzatore e la fornitura di energia per far funzionare gli impianti.

La nuova ricerca include invece tutte le voci, dal Capex dell’elettrolizzatore ad eventuali spese di sostituzione dell’apparecchio, dal costo dell’elettricità a quello dell’acqua, dalle tubature al compressore, dallo stoccaggio ad altre spese fisse per l’operatività dell’impianto. “Con questi dati (provenienti esclusivamente da fonti pubbliche) cerchiamo di rendere la contabilità dei prezzi di H2 più trasparente”.

I risultati mostrano che il costo dell’idrogeno verde è destinato a dimezzarsi su entrambi i mercati occidentali nei prossimi 30 anni. Ma il valore finale dipende da una serie di variabili.

Nel dettaglio, gli autori hanno elaborato tre scenari. Il primo “Grid connected” prevede che l’elettrolizzatore sia collegato alla rete elettrica, beneficiando di un fattore di capacità del 100% (ma pagando le commissioni di rete associate). Il secondo “Direct Connection” prevede che l’elettrolizzatore sia direttamente collegato ad un pianto rinnovabile (fotovoltaico o eolico). Il terzo scenario, chiamato “Curtailed Electricity”, presuppone che l’ettrolizzatore funzioni solo con il surplus di elettricità verde che la rete non è in grado di gestire.

Sulla base di queste premesse, gli esperti hanno calcolato che:

  • Nello scenario “Grid Connected” il prezzo medio dell’idrogeno verde negli Stati Uniti dovrebbe scendere dagli attuali 8,81 $/ kg a 5,77 $/ kg; in Europa passerebbe invece da 13,11 $/ kg a 7,69 $/ kg con punte minime di 3,21 dollari.
  • Nello scenario “Direct Connection” il costo dell’idrogeno verde passerà da una media di 10.61 $/ kg  a 5.97 $/ kg e in Europa da 19,23 $/ kg a 10,02 $/ kg, con punte minime di 2,23 dollari.
  • Nello scenario “Curtailed Electricity” il prezzo medio dovrebbe calare dagli attuali 11 $/ kg a 5,92 $/ kg; in Europa da 10,85 $/ kg a 6,08 $/ kg con punte minime di 4,67 dollari. (Fonte: Rinnovabili.it)