LEGNO: IN ITALIA SI RICICLANO CIRCA 2 MILIONI DI TONNELLATE

122 Views

In Italia – secondo la recente ricerca “Il sistema circolare della filiera legno per una nuova economia” realizzata dal Politecnico di Milano – ogni anno vengono riciclate quasi 2 milioni di tonnellate di legno, con un giro d’affari di 1,4 miliardi di euro e 6.000 occupati nel settore. Il riciclo del legno nel nostro paese evita l’emissione di 1 milione di tonnellate di anidride carbonica all’anno. I dati della ricerca sono stati forniti nel corso di Ecomondo dal Consorzio Rilegno, che in Italia cura una filiera basata su 2.000 consorziati, oltre 400 piattaforme di raccolta private, capillarmente diffuse sul territorio, 13 impianti di riciclo, 4.541 comuni convenzionati per un numero di abitanti che supera i 42 milioni.

I rifiuti di legno sono pallet, imballaggi industriali, cassette per ortofrutta (in Italia se ne producono 450 milioni all’anno), mobili, tappi. Nelle piattaforme, il legno viene pressato, frantumato e triturato. Nei centri di riciclo, viene trasformato per il 95% in pannelli truciolari per l’industria del mobile, il resto in pallet block, blocchi di legno cemento per l’edilizia, pasta di legno per cartiere e compost.

A Ecomondo, il consorzio ha lanciato un concorso, dedicato soprattutto ai giovani, per ideare un nuovo contenitore in legno per prodotti biologici, reinventando la cassetta tradizionale. Sarà possibile candidare i progetti fino al 2 marzo 2020 attraverso il sito www.contest.rilegno.org. Al primo classificato andrà la somma di 10.000 Euro. “Un progetto che richiede una visione sull’imballaggio del futuro per il biologico – ha detto il presidente di Rilegno, Nicola Semeraro -, perché siamo tutti chiamati a prendere consapevolezza su come affrontare il tema ambientale e il corretto utilizzo delle risorse. L’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sul fatto che un contenitore realizzato con materiale 100% naturale è una scelta sostenibile, igienica e sicura, soprattutto per il consumatore. Il legno è per sua natura il vero imballaggio green, è la natura che trasporta la natura“. In un’intervista rilasciata al mensile Vita il Presidente ha annunciato: “Vogliamo pensare a un imballaggio che non si limiti ad essere contenitore di merci, ma possa agire come fonte di dati rispetto ai contenuti. Per questo stiamo sviluppando insieme all’Università di Parma uno studio di fattibilità per l’implementazione della tecnologia Rfid (identificazione a radiofrequenza) a supporto della logistica e sostenibilità ambientale degli imballaggi di legno“.