ISPRA: GAS SERRA IN AUMENTO

42 Views

Nel terzo trimestre del 2019 la stima tendenziale delle emissioni dei gas serra prevede un incremento rispetto all’anno precedente, pari allo 0,6%, a fronte di una crescita del PIL pari a 0,3% rispetto all’anno precedente. Lo rende noto il centro studi del Ministero dell’Ambiente, l’Ispra.
L’incremento stimato – si legge nella nota dell’Istituto – è principalmente dovuto alla crescita dei consumi di combustibili per la produzione di energia elettrica (4,1%), dovuta prevalentemente alla riduzione della produzione di energia idroelettrica e delle importazioni, mentre risultano in decremento i consumi – e quindi le emissioni – di carburanti nel settore dei trasporti (-0,1%) e di combustibili fossili nel settore del riscaldamento domestico (-0,4%)“.

I dati dell’ISPRA, sono confermati su scala mondiale anche dall’Organizzazione meteorologica mondiale (Omm) nel bollettino pubblicato nei giorni scorsi. L’aumento dei gas serra nel mondo a lungo termine, dicono gli esperti, si traduce in “impatti sempre più gravi dei cambiamenti climatici, con temperature in aumento, condizioni meteo più estreme, stress idrico, innalzamento del livello del mare e perturbazione degli ecosistemi marini e terrestri”. “Inoltre non vi è alcun segno di rallentamento, per non parlare di un calo, nonostante tutti gli impegni previsti dall’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici”, afferma il segretario generale dell’Omm, Petteri Taalas sottolineando che “dobbiamo tradurre gli impegni in azioni e aumentare il livello di ambizione per il bene del futuro benessere dell’umanità”.

 

Maggiori dettagli sulla metodologia e i dati di emissione sono disponibili sul sito dell’ISPRA  (Fonte: ISPRA)