In India si torna a respirare

139 Views

Un effetto collaterale positivo dell’emergenza sanitaria attuale è sicuramente la grande riduzione dell’inquinamento atmosferico, con la maggior parte delle persone bloccate in casa e le attività produttive chiuse, almeno, guardando il lato positivo, si torna a respirare e l’inquinamento ambientale si abbassa, questo fenomeno avviene ovunque, sia nella nostre città in cui vi abbiamo già raccontato, sono apparsi moltissimi animali inaspettati a riscoprire luoghi a loro preclusi che nelle grandi città internazionali dove il lockdown regala un’insolita aria pulita e dei panorami unici che non si vedevano da decenni, questo è il caso di Jalandhar, nel Punjab a nord dell’India dove per la prima volta in oltre 30 anni, l’aria è così pulita da avere regalato una incredibile panorama, le vette dell’Himalaya alte 6000 metri e ad oltre 200 chilometri di distanza.

Il lockdown a causa del Coronavirus ha permesso una grandissima riduzione delle polveri sottili in quello che è uno degli stati più inquinati al mondo, infatti a Nuova Delhi si stima un calo del 44% della concentrazione di polveri sottili, a livello nazionale del 33% due settimane in casa sono bastate per far tornare tutti a respirare notevolmente meglio e per regalare questo panorama mozzafiato che, grazie ai social network ha fatto il giro del web, postato ovviamente da cittadini meravigliati ed increduli, le foto si sono poi diffuse su tantissime testate online nazionali ed internazionali regalando a tutti i cittadini da ogni parte del mondo una vista sulla catena montuosa più alta del pianeta che fino ad oggi pochissime persone avevano avuta la possibilità di apprezzare, un bellissimo effetto collaterale di questa emergenza sanitaria, che anche in un momento così difficile può farci riassaporare la vita e le sue meraviglie! (Fonte: Positizie.it)