DOMANI LA GIORNATA MONDIALE DEGLI OCEANI

118 Views

L’8 giugno si celebra la Giornata Mondiale degli Oceani istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 in occasione del vertice sull’ambiente di Rio de Janeiro e riconosciuta nel 2009 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite: un momento di riflessione sul ruolo fondamentale che gli oceani hanno per la salute della Terra. Ad esempio le piante marine rilasciano la metà di tutto l’ossigeno dell’atmosfera attraverso la fotosintesi; gli oceani rappresentano il 96% di tutta l’acqua sulla superficie terrestre; l’oceano assorbe circa il 25% delle emissioni di CO2 che le attività umane emettono in atmosfera ogni anno, riducendo notevolmente l’impatto di questo gas ad effetto serra sul clima; oltre 3 miliardi di individui dipendono dalla biodiversità marina e costiera per il loro sostentamento e a livello globale, il valore di mercato delle risorse e delle industrie marine e costiere è stimato di 3.000 miliardi di dollari l’anno, circa il 5% del PIL mondiale (Fonte Regionieambiente). L’11 e 12 giugno a Villa Celimontana a Roma verranno inoltre presentati i dati del ‘MedSeaLitter’. Il progetto MEDSEALITTER, istituito dall’ISPRA, mira a creare una rete tra aree marine protette, organizzazioni scientifiche e organizzazioni non governative per sviluppare, testare e applicare protocolli efficaci, per monitorare e gestire l’impatto dei rifiuti plastici sulla biodiversità. Nell’arco di circa 2 anni, i 10 partner impegnati con ISPRA nel progetto (provenienti da 4 Paesi Ue – Italia, Spagna, Francia e Grecia) hanno percorso oltre 20.000 km con imbarcazioni di varie dimensioni, aerei e droni in diverse aree del Mediterraneo, registrando quasi 6.500 oggetti galleggianti costituiti tra il 75 e l’87% da rifiuti prodotti dall’uomo. Ambiente Mare Italia, una delle associazioni particolarmente impegnate nella tutela dei nostri mari denuncia: ” L’Italia, con i suoi circa 7.500 chilometri di coste, è fortemente esposta a questa forma di inquinamento e con 90 tonnellate al giorno, si colloca al terzo posto per quantità giornaliera di materie plastiche scaricate nel Mar Mediterraneo, dietro solo alla Turchia (144) e alla Spagna (126)”. Sicuramente un terzo posto che non ci fa onore.