AL VIA LE AGEVOLAZIONI PREVISTE DAL FONDO NAZIONALE EFFICIENZA ENERGETICA

322 Views

A seguito della registrazione del Decreto attuativo da parte della Corte dei Conti, Pubbliche Amministrazioni (in forma singola o associata/aggregata quali Protocolli d’intesa, Convenzioni, Accordi di Programma), E.S.Co e Imprese  possono accedere al Fondo Nazionale per l’Efficienza Energetica (FNEE) per l’erogazione di finanziamenti a tasso agevolato e/o la concessione di garanzie su singole operazioni di finanziamento, per interventi di efficienza energetica su edifici, impianti e processi produttivi. In particolare, gli interventi sostenuti devono riguardare:

la riduzione dei consumi di energia nei processi industriali;

la realizzazione nonché l’ampliamento delle reti per il teleriscaldamento;

l’efficientamento di servizi ed infrastrutture pubbliche, inclusa l’illuminazione pubblica;

la riqualificazione energetica degli edifici.

Specificamente sono ammesse spese per:
consulenze (nella misura max del 10% delle spese ammissibili) con riferimento in particolare alle spese per progettazioni ingegneristiche relative alle strutture dei fabbricati e degli impianti, direzione lavori, collaudi di legge, progettazione e implementazione di sistemi di gestione energetica, studi di fattibilità nonché la predisposizione dell’attestato di prestazione energetica degli edifici e della diagnosi energetica degli edifici pubblici;
le apparecchiature, gli impianti nonché macchinari e attrezzature varie (inclusi i sistemi di telegestione, telecontrollo e monitoraggio per la raccolta dei dati riguardanti i risparmi conseguiti) comprensivi delle forniture di materiali e dei componenti previsti per la realizzazione dell’interventi;
interventi sull’involucro edilizio comprensivi di opere murarie e assimilate, ivi inclusi i costi per gli interventi di mitigazione del rischio sismico, qualora riguardanti elementi edilizi interessati dagli interventi di efficientamento energetico;
infrastrutture specifiche comprese le opere civili, i supporti, le linee di adduzione dell’acqua, dell’energia elettrica – comprensivo dell’allacciamento alla rete – del gas e/o del combustibile biomassa necessari per il funzionamento dell’impianto, nonché i sistemi di misura dei vari parametri di funzionamento dell’impianto. (Fonte: Regioni e Ambiente)